cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Il grano di Santa Barbara

Oggi ho imparato qualcosa che non sapevo. Grazie a #Betullablog. Beatrice di Tullio racconta perchè oggi 4 dicembre ha seminato il grano di #SantaBarbara. "In Provenza, scrive, il 4 dicembre è uso mettere un po’ di grano del raccolto precedente in 3 ciotoline (la Trinità). Per Natale il grano germogliato, e decorato con un nastro rosso, ornerà la tavola della festa (se ben germogliato indica prosperità del prossimo raccolto)! Oltralpe i sacchettini di grano sono venduti dal panettiere, in farmacia e davanti alle chiese (c’è anche un’associazione che vende le blé de l’espérance, devolvendo i proventi ai bimbi in ospedale). Io avevo qualche spiga raccolta durante le mie passeggiate estive, poi ho trovato il grano dal #granatin". Per sapene di più leggete anche la pagina facebook @betullablog

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni