cibo, vino e quantobasta per essere felici

Uva e riso, vino e sake, il nuovo fusion concept di Yousushi

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Può il nostro ristorante del cuore del mese di novembre essere un luogo che cucina giapponese? Sì se è You Sushi! Può un ristorante giapponese essere guidato con successo da italiani? Sì, se il locale, raffinato intimo ed elegantemente informale di viale XX settembre a Gorizia, è gestito da una coppia appassionata, unita nella vita e nel lavoro: Lara Starz e Adriano Moimacco. foto di Nevio Lupifoto di Nevio Lupi

Insomma, davvero una bella scoperta per chi come me non ama il pesce crudo e i ristoranti japan ormai proliferanti al ritmo del fast food.L'articolo completo è uscito sul mensile cartaceo qbquantobasta di novembre. Qui alcuni cenni in sintesi. 

Il richiamo è stato il sake, protagonista di una serata “sake fermo mosso o miscelato” condotta dal barman romano Domenico Maura per presentare la nuova cocktail list del locale. Sempre mixando il Giappone e l’Italia (il Friuli). Dove un classico come il Martini diventa joskotini, perché usa il vino di Gravner (e fra l’altro Josko, il grande vignaiolo, era presente alla serata; non solo c’era anche Fred Jerbis, con il suo vermuth friulano).

Nel bicchiere sake vodka vino prugne cetriolo litchi zenzero in un susseguirsi vorticoso e nel contempo delicato di proposte. Il raviolo con gambero zucchino e zenzero proposto da Adriano mi ha conquistato come gli altri piatti, vera suggestione per le papille.

Eccomi di nuovo da You Sushi a un’altra cena caratterizzata dall’alternanza di vini e sake abbinati alle varie portate, con ospite Gae Saccoccio che presentava il suo libro “La via dei Sake” per la definitiva conferma che questa cucina giapponese mi piace assai (in cucina Adriano era coadiuvato da Nevio Lupi). E che questo locale ha un’anima: quella di Lara e di Adriano. Aperto dalle 19 alle 23. Il martedì e il venerdì anche dalle 12 alle 14.30. Tel 0481 280059.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.