cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Successo per "Grado dolce Grado"

Grandi pasticceri, panificatori e specialisti in cake design: la formula messa a punto da Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori  per avvicinare il grande pubblico alla complessa arte di fare dolci ha fatto centro e “Grado Dolce Grado” ha registrato l’en plein. Un pubblico attento e di qualità ha infatti affollato i corsi organizzati dal consorzio su incarico del Comune  nell’elegante location del Grand Hotel Astoria di Grado, il cui  grande salone si è rivelato la cornice ideale per ospitare  i laboratori organizzati attorno a 4 temi, ovvero La pasticceria Mitteleuropea, Dolci di tendenza: cake design, La salute incomincia a tavola (dedicato al pane) e Un gioco da bambini, rivolto ai più piccoli. Ad affiancare con capacità ed entusiasmo i pasticceri e i panificatori nella gestione dei laboratori sono stati gli allievi del Corso professionale di pasticceria e panificatori di Civiform di Cividale del Friuli.

 “Di particolare interesse è stato l’incontro-confronto fra 4 grandi tradizioni di pasticceria, ovvero quelle di Trieste, Slovenia, Croazia, Friuli, da cui sono emerse novità molto interessanti” spiega il presidente di FVG Via dei Sapori Walter Filiputti.

Janez Bratos, patron del ristorante JB di Lubiana, che nel 2010 è entrato nei migliori 100 ristoranti del mondo, ha svelato ai corsisti i segreti dello struccolo di Lubiana. Bojan, chef del ristorante Meneghetti di Valle presso Rovigno, ha presentato i “Ravioli di Albona”, dolce istriano da lui rivisitato. La nota pasticceria triestina Eppinger ha proposto "Sissi", un delicato cestino con ganache al cioccolato e croccante di frutta secca al caramello, in omaggio a Sissi perché ricorda nel sapore e usa gli stessi ingredienti del Presnitz, dolce tipico triestino. Infine, lo chef de La di Morèt di Udine Stefano Basello ha presentato una deliziosa Mousse alle castagne, sua interpretazione del dolce d’autunno,  e da Grado lo chef Attias Tarlao, co-patron col fratello Allan del noto ristorante L’Androna, ha insegnato a preparare millefoglie di panettone con crema al torrone,  una sua ricetta creativa elaborata partendo dal panettone.

Grande curiosità ha riscosso il corso di cake design (ovvero di decorazione dei dolci, ora di gran moda) tenuto da Mentore noto maestro pasticcere. Tutto esaurito anche per il corso sul pane, che si inserisce nel progetto di salvaguardia del pane “sano e buono” a lievitazione naturale lanciato la scorsa primavera da FVG Via dei sapori. Maestri panificatori hanno fatto letteralmente mettere le mani in pasta ai partecipanti, che hanno impastato il pane usando il lievito madre e, alla fine del corso, ne hanno portato un po’ a casa per fare, essi stessi, pane e dolci.
Divertimento, infine, per i bambini a cui è stato dedicato l’ultimo laboratorio in programma, nel quale si sono cimentati ad impastare pane e dolci.


 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.