cibo, vino e quantobasta per essere felici

Re Santi e Leoni conquista la prima stella Michelin

5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 5.00

re santi leoni logore santi leoni logo

Siamo molto soddisfatti qui a qb perchè nelle nostre pagine abbiamo saputo scegliere di raccontarvi di locali e luoghi che ci hanno affascinato ma che soprattutto vantano una qualità a tutta prova.  Come nel caso di Re Santi Leoni, il ristorante di Nola, storica cittadina in provincia di Napoli, di cui vi abbiamo descritto in anteprima il menù autunnale. 

Re Santi e Leoni: menù autunnale. Prima di tutto ci ha colpito il suo nome e, indagando un po' abbiamo scoperto che si riferiscono ai tre nomi dei figli del titolare, l'imprenditore Lucio Giordano: Ferdinando (RE), Agostino (SANTI), Leone (LEONI). Il ristorante ha conquistato la sua prima stella Michelin! Molto interessanti i piatti dello chef Luigi Salomone, la cui caratteristica è di essere composti da un massimo di quattro ingredienti, in modo che ognuno di essi sia riconoscibile al primo assaggio.

re santi leoni GAMBERI PORCINI MAGGIORANA E NOCCIOLE credits Alessandra Farinellire santi leoni GAMBERI PORCINI MAGGIORANA E NOCCIOLE credits Alessandra FarinelliCome l'antipasto di gamberi, porcini, maggiorana e nocciole di Saviano, da cui viene ricavata una maionese che dà la parte grassa al piatto. Il gambero è crudo, per la parte vegetale ci sono i porcini. Il succo di maggiorana dal gusto erbaceo leggermente piccante serve per ripuire la bocca e fare riaffiorare il gusto dei porcini e dei gamberi.  

E che dire di questa spigola all'acqua pazza in crosta? Da segnare subito in agenda per quando si tornerà a viaggiare! 

spigola all'acqua pazza in crosta credits Alessandra Farinellispigola all'acqua pazza in crosta credits Alessandra Farinelli


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Stampa questo articolo

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.