cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Riccardo Celeghin alla guida della Pasticceria di Veleno

Latte e polenta dolceLatte e polenta dolce

L'udinese Riccardo Celeghin, classe 1995, dopo le esperienze friulane da Orsone, Agli Amici, La Taverna, da marzo 2019 è alla guida del progetto Pasticceria di Veleno a Brescia,  al fianco dello chef Maurizio Amato.  “La mia pasticceria è equilibrata e acida, ma solo all’apparenza, ci racconta, "con rispetto di ogni singolo ingrediente e della sua provenienza. Nobilitare un ingrediente significa rispettarlo ed esaltarne le potenzialità: ci sono ingredienti poveri che nascondono gusti inaspettati, basta studiarli, sperimentare, non arrendersi. La consapevolezza nasce dallo studio e dalla conoscenza, dal confronto con i maestri, dalla fatica.”

La Torta delle Valli unisce la bresciana torta di rose con il sapore friulano della gubanaLa Torta delle Valli unisce la bresciana torta di rose con il sapore friulano della gubana

 

La pasticceria di Veleno cibo e altre storie comincia al mattino con cannoncini e croissant espressi: una proposta che prevede la farcitura al momento dei due dolci.  In ogni momento della giornata il banco della pasticceria è ricco di monoporzioni, tartellette e torte (anche su ordinazione). C'è anche il dessert serale per chi ha cenato a casa e vuole viziarsi con una monoporzione.


Gin ficoGin fico

“La pasticceria non deve assolutamente essere considerata 'altro' rispetto alla cucina, continua Riccardo, deve dialogare con la cucina e con la sua impostazione”. I dolci dunque completano  il pranzo, composto da un’offerta di cinque piatti che raccontano e omaggiano l’Italia. Una pasticceria moderna, dal vibrante spirito italiano e dalla spiccata estetica francese.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)