cibo, vino e quantobasta per essere felici

Quanto guadagnano certi chef

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

 “You impress. We invest”, ovvero “Voi ci stupite, noi investiamo” è lo slogan dellla nuova trasmissione del canale televisivo americano della finanza Cnbc dal titolo Restaurant Startup. Fra i protagonisti anche Bastianich. Del resto l'esperienza dell'imprenditore nel business restaurant ce l'ha tutta. Dalle padelle a un impero milionario: per raggiungere questo risultato la via più breve è un programma in tv. I cachet dei programmi televisivi, i contratti come testimonial di pentole e sughi  i libri di ricette vanno infatti ad aggiungersi agli incassi dei ristoranti. Carlo Cracco ha aperto da poco a Milano il suo nuovo ristorante “Carlo e Camilla in segheria” e ha chiuso il bilancio 2013 della sua società Cracco Investimenti con un fatturato di 3,93 milioni, in aumento dai 3 milioni incassati nell’esercizio precedente. Noccioline, anzi patatine, rispetto ai guadagni di Joe Bastianich, figlio d’arte: con la mamma Lidia un vero tycoon della gastronomia: gestiscono 25 ristoranti (11 solo a New York), due Eataly in società con Oscar Farinetti: uno nella Grande Mela, che ha incassato 80 milioni di dollari nel 2013, l'altro a Chicago (cui si aggiungeranno Los Angeles e Philadelphia, Città del Messico e San Paolo).
Più contenuto il patrimonio di Bruno Barbieri. Pur essendo lo chef italiano con maggior numero di stelle, è “solo” azionista della finanziaria di famiglia F.I.R e amministratore unico della Maranello Wines, una cooperativa che commercia vini all’ingrosso e che ha chiuso il 2013 con un fatturato di 840 mila euro. Fra le star dei fornelli, conquista iposizioni il napoletano Antonino Cannavacciuolo, conduttore della versione italiana di Cucine da incubo in onda su Fox Life e Chef patron del Ristorante Hotel Villa Crespi a Orta San Giulio (Novara). Spero non vi scandalizzerete per queste cifre: se guadagnano così è anche merito nostro!
 



 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.