cibo, vino e quantobasta per essere felici

Zeppola di San Giuseppe per la festa del papà

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Chi l'ha detto? O meglio chi l'ha scritto?

Oggi era anche la festa di S. Giuseppe, patrono di tutti i frittaroli cioè venditori di pasta fritta… Sulle soglie delle case, grandi padelle erano poste sui focolari improvvisati. Un garzone lavorava la pasta, un altro la manipolava e ne faceva ciambelle che gettava nell’olio bollente, un terzo, vicino alla padella, ritraeva con un piccolo spiedo, le ciambelle che man mano erano cotte e, con un altro spiedo, le passava a un quarto garzone che le offriva ai passanti…

L'autore è Wolfgang Goethe che racconta quanto vede e scopre nel suo celebre Viaggio in Italia. Una ciambella di pasta, fritta fino a farla gonfiare, innevata di zucchero a velo e con un generoso giro di crema pasticciera sormontata da amarene. Vi invitiamo a leggere il bell'articolo di Giustino Catalano sulla storia della zeppola e le sue similitudini con la sfincia palermitana nel numero digitale di qb di marzo 2019.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata