cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

O' Munaciello, da Firenze a Miami

‘O Munaciello a Miami Beach al 6425 di Biscayne Boulevard Corner con la 65th Street,e l’avventura di tre ragazzi, Leonardo Scuriatti, Valentina Borgogni e Carmine Candito. ‘O Munaciello "piccolo monaco" in napoletano, uno spiritello leggendario del folclore napoletano citato nell’800 da Matilde Serao, 'O Munaciello, il nuovo locale di cui si parla, mostra una appartenenza a una terra con tutti i suoi colori e la gioia di vivere, schidionate di ferro che reggono corone di aglio, peperoncini e pomodorini piennolo, profumate mele Annurca, limoni di Amalfi e Sorrento...  un piacevole caos organizzato, tovaglie con i numeri della tombola stampati, un album fotografico di un quartiere spagnolo di Napoli. Leonardo, Valentina e Carmine ti portano per mano per un viaggio nella storia della migliore cucina del mondo, sapori, profumi e colori, dagli spaghetti, ragù, mozzarella, babà, sfogliatella, pastiera, caffè, salame di Napoli, struffoli, chiacchiere, zeppole di San Giuseppe, tortano, casatiello, caprese, delizie, cannelloni, lasagna, falanghina, granite al limone. Infine l’enorme forno  a vista, regno incontrastato di Carmine Candito, un gigante di simpatia per la pizza più buona di Napoli, prima portata a Firenze in Santo Spirito e infine a Miami.
Leonardo spiegaci il perché di questa nuova apertura
Miami Beach vede 2 milioni di turisti italiani ogni anno, ‘O Munaciello a Firenze (Via Maffia, 31) ormai è arrivato a un punto di eccellenza, siamo in 3 soci giovani e avevamo voglia di allargarci. E a due 2 mesi dall’apertura a Miami Beach, siamo già in un vortice di gente che fa la fila fuori del locale, gente che ritorna, attori e calciatori italiani che ci vengono a cercare, gli amici italiani, i fiorentini, i napoletani.
Che peso ha la tradizione nella cucina di ‘O Munaciello?
Il tema del nostro brand è la cucina napoletana, la tradizione è parte fondamentale e integrante della cucina di quando a Napoli si faceva della condivisione uno stato sociologico, l’abitudine di stare insieme intorno alla tavola. Miami è compatibile con lo spirito campano, qui è sempre festa, un'estate che non finisce mai, i colori  del mare, che si intravede dal nostro locale, la spiaggia sempre piena di ragazzi.

Valentina Borgogni 
10 anni di Munaciello a Firenze, un successo e una scommessa vinta in una città che ama la sua cucina toscana, ma la nostra allegria e gioia di vivere è stata vincente, principalmente per i prodotti campani che abbiamo portato, la dolce sensualità dell’olio campano, qui l’ospite che si ferma trova nel piatto, quasi per magia, racconti di  lunghe distese di viti, mozzarelle campane, il Vesuvio, cancelli di ferro incoronati dal glicine

Carmine Candito, qui la tua Napoli
Penso che non esista al mondo una città amata come Napoli e qui negli Usa ne ho la conferma tutti i giorni, qui ho portato anche la mia “Pizza nera” fatta con un impasto lievitato dalle 24 alle 48 ore, preparato aggiungendo una piccola quantità di carbone vegetale attivo. 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.