cibo, vino e quantobasta per essere felici

Lambertina lo strudel e l'oca golosa

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

“Lambertina”, il dolce ufficiale del merletto goriziano, ha consentito alla pasticceria L’Oca Golosa di Gorizia di entrare nell’olimpo delle pasticcerie italiane, in quanto giudicata tra le torte più innovative della penisola. Valentina De Luca, che gestisce la pasticceria goriziana insieme al fratello Federico e al compagno Francesco Pizzigallo, è infatti una dei cinque finalisti del prestigioso contest Miglior pasticcere under 35. Il concorso promosso da Italian Gourmet, in collaborazione con Agrimontana e Irinox, rappresenta un’occasione importante per gli under 35, di dimostrare le proprie capacità nel creare un cake innovativo, diverso dal solito, dove la creatività e il gusto, ma non solo, sono protagonisti. La Giuria presieduta da Gino Fabbri, maestro di pasticceria di fama internazionale, a suo insindacabile giudizio ha selezionato i cinque finalisti.

Tra questi appunto “Lambertina”, nata nel febbraio 2018 in base a una ricetta che compendia il gusto della tradizione dolciaria di Gorizia. In un guscio di friabile pasta frolla è contenuto un ripieno che amalgama sapientemente i sapori della tradizione dolciaria locale; decorata all'esterno con la trama del Merletto Goriziano realizzata in pasta di zucchero. Il nome del vincitore del concorso si conoscerà lunedì 20 maggio, nella finale del World Pastry Stars 2019 a Milano. 

L’Oca Golosa è anche in gara per la Strudel Cup, organizzata da Luigi Biasetto, campione del mondo di pasticceria: lo strudel sfornato nella pasticceria di corso Italia è stato giudicato tra i 50 più buoni della penisola. Due qualificazioni che rendono merito alla passione, all’impegno e alla voglia di sperimentare dei tre giovani pasticceri, sempre nel rispetto della tradizione e degli ingredienti genuini e del territorio. Martedì 23 aprile 2019 a Folgaria ci saranno le semifinali e venerdì 26 le finali del campionato di strudel, volto a dar lustro a uno dei dolci più celebri della cucina italiana.

L’Oca Golosa gareggia in questo caso con uno strudel che assomma le caratteristiche di Gorizia città di confine, con una cucina dalle forti contaminazioni mitteleuropee. La pasta sfoglia raccoglie un ripieno tradizionale di diversi tipi di mele creato ad hoc, pinoli italiani tostati in padella con burro di Normandia, uvetta sultanina macerata in grappa di vinacce friulane, tutto legato e insaporito con confettura di albicocche e profumo di scorza di limoni di Sicilia e cannella. Uno strudel da servire rigorosamente caldo, con una spolverata di zucchero a velo.
Per L’Oca Golosa un’altra soddisfazione è arrivata da Goloasi.it, portale di riferimento del settore: nella lista delle colombe artigianali più buone d’Italia l’unica rappresentante del Friuli Venezia Giulia è proprio quella preparata nella pasticceria goriziana.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.