cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Brodi e zuppe, anzi souping

Sono tornati alla grande i brodi. Non solo in Italia, ma anche negli Usa. Se a Milano il re del brodo è lo chef stellato Andra Berton (menu a tutto brodo, 135 euro)  a New York impazza l'organic chicken broth (brodo di pollo bio) di Marco Canora servito nei classici bicchieroni di carta che abbiamo imparato a conoscere nei telefilm americani come contenitori di caffè. Ma è soprattutto il souping che fa tendenza, cioè tutto quello che sembra una zuppa. Ovviamente c'è anche l'immancabile app Soupology. E il souping, dicono, non ha nulla a che fare con il juicing, anche se qualcuno lo definisce semplicemente minestrone frullato. Di tutto questo e molto altro vi parlo in un articolo specifico sul mensile cartaceo qbquantobasta di aprile. Anche il numero di aprile come tutti i numeri è disponibile in versione digitale al nostro e-shop https://www.qbquantobasta.it/shop.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni