cibo, vino e quantobasta per essere felici

Birrificio-cucina: DoppioMalto a Milano

5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 5.00

Doppio Malto birreria con cucina a MilanoDoppio Malto birreria con cucina a Milano

#ripartenza. Apre a Milano in via Liguria 47, DoppioMalto, ristorante con piccolo birrificio, che permetterà agli ospiti di degustare la birra appena fatta. Numerosi giochi a disposizione dei clienti, come calcio balilla, biliardo e scacchi giganti. Uno spazio dove sfidare gli amici a ping pong o a biliardo, un luogo dove trascorrere tempo con la famiglia e un locale bike friendly. Due piani per oltre 1000 m2, ai quali se ne aggiungono altri 423 all’aperto. Protagonista indiscussa è, come in ogni birrificio-cucina del marchio, la birra artigianale firmata DoppioMalto, premiata con oltre 100 riconoscimenti internazionali; sono 14 quelle presenti sul menu, alle quali se ne andranno a sommare altre 4 stagionali. 

 

La vocazione bike friendly e la riduzione degli sprechi fanno di Doppio Malto un locale attento all’ambiente.

 Birra da bere ma anche da mangiare: sono diverse le ricette proposte da DoppioMalto, dalla salamella mantovana con birra Crash al galletto ruspante dorato alla brace e glassato alla birra Crash, miele e spezie, fino al Birramisù, con savoiardi inzuppati nella birra Old Jack.

“Siamo felici per questa nuova apertura, che porta a 19 i nostri ristoranti  – spiega Giovanni Porcu, ceo di Foodbrand. 

 

 

DoppioMalto il banconeDoppioMalto il banconePer quanto riguarda le proposte a menù, sarà possibile provare la degustazione tematica “Birra comanda colori”, un beer tour tra aromi, luppolo e malto, e ordinare cocktail alla birra come il Cremlino, a base di vodka, kahlua, cola artigianale Polara e birra Old o il Mezzanotte, preparato con gin, vermouth rosso e birra Bitter. Non solo, nella carta dei drink sarà ben presto inserito anche un cocktail a base di birra Doppio Malto creato su misura per il marchio da Bruno Vanzan, uno dei più celebri barman italiani. 

 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.