cibo, vino e quantobasta per essere felici

banner visita nostro shop on line

A Venezia ha riaperto Dalla Zanze

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Una gran bella "banda" di giovani. Nicola Dinato, chef e patròn del Feva di Castelfranco Veneto (TV), una stella Michelin, e lo startupper Nicola Possagnolo, soci nell'impresa, hanno riaperto una delle più antiche trattorie di Venezia: la Trattoria alla Zanze, che esiste, con alterne fortune, da almeno 5 secoli. E hanno fatto centro.

Arredamento minimale, nel senso che ci si accomoda su tavoli di legno senza tovaglie, travi al soffitto, fornitissimo bancone del bar, un tavolo prospiciente la vetrina che dà sulla fondamenta. Il senso? Un'osteria elegante, però l'aria è quella del bistrot. in cucina c'è Luca Tartaglia, un giovane di soli 26 anni, che ha fatto esperienza a L'Astrance con Pascal Barbot, astro della cucina parigina con tre stelle Michelin. E l’esperienza si sente. Mai un piatto banale, rivisitazioni ragionate di ricette tradizionali, accostamenti di sapori azzeccati, cotture perfette, indovinati i contrasti delle consistenze. Completano lo staff Nicolò De Pol in sala, Nicola Stievano al bar e sommelier, Ilenia Ranieri bar e sala. La cantina è ancora in allestimento in un vicino locale.

Alcuni piatti: sarda in saor di rose e cardamomo (la cipolla è rimasta un mese nell'acqua di rose), una festa di sapori. Insalata di masanete (granchietti di stagione autunnale), un piatto di grande fragranza. Calamarata al burro di malga e curry della Zanze, speciale. Coniglio, salsa al prezzemolo (da bis) servito con a fianco il cavolo Pak-choi, giusta contaminazione orientale. A chiudere crema di carote e peperoncino, spuma di yogurt e cioccolato bianco: imperdibile. Insomma, di questa brigata di giovani sentiremo parlare presto e saranno stelle e punteggi alti. 

La Trattoria alla Zanze è vicina a piazzale Roma e alla stazione ferroviaria: Fondamenta dei Tolentini 231 - Santa Croce. Tel. 041 715394. Lunedì chiuso.


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.