cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Gran finale della rosa

E’ stata Tamara Podversic, la giovanissima figlia di Damijan, a introdurre la serata “GRAN FINALE DELLA ROSA DI GORIZIA” qualche sera fa a Il vostro Eden di Gorizia, presentando i vini in abbinamento con i piatti ideati dallo chef Maniacco. Per raccontare la storia della rosa di Gorizia era presente il produttore Fabio Brumat. La degustazione era un'orizzontale, i vini, Ribolla Gialla, Malvasia e Nekaj sono tutti dell’annata 2014, attualmente in commercio. Prodotti da vigneti tra i 15 e i 25 anni, coltivati con basse rese (40q/Ha) posti su un terreno di ponca-marna/arenaria prevalentemente in località Monte Calvario (140/180 m.s.l.m.). L’annata 2014, come tutti ci ricorderemo, è stata caratterizzata da una intensa piovosità con temperature ben al di sotto alle medie stagionali. Sui grappoli c’è stata la presenza quasi totale, rispetto alle altre annate,della botrite nobile. L’annata fredda ha dato dei vini più leggeri ma comunque avvolgenti e fini, un risultato dovuto anche al lungo affinamento. 

La vinificazione parte con una fermentazione spontanea delle uve con i soli lieviti indigeni. Il processo fermentativo avviene in presenza delle bucce, le quali macerano in tini troncoconici di rovere, per un periodo che varia dai due ai tre mesi. Finita la macerazione, in assenza di controllo della temperatura, il vino viene travasato senza filtrazione, in botti da 20 o 30 hl di rovere di Slavonia per 3 anni per poi essere affinato in bottiglia per 1 anno, prima di essere messo in vendita.
La  Ribolla Gialla, abbinata all’antipasto, colpisce subito per il suo colore, giallo dorato, che ricorda il sole caldo dell’estate. Al naso sprigiona lievi note floreali, quasi percepibili, ma è in bocca che si rivela, un’esplosione di frutta essiccata e dei tannini morbidi e avvolgenti, con un finale minerale lungo e persistente. Al primo sorso si ha la percezione della croccantezza del vino, quasi da immaginare di masticare i singoli chicchi gialli dorati. Ricordo Damijan, in una sua degustazione, che suggeriva di chiudere gli occhi e di immaginare di camminare tra i filari assaggiando l’uva avvolti dal calore del sole.
Con il primo piatto troviamo abbinata la Malvasia Istriana, che si presenta con un colore giallo dorato intenso, quasi aranciato. Un vino che si distingue subito all’olfatto dalle note lievi semi aromatiche. Tutta la sua bellezza viene sprigionata dal primo all’ultimo sorso in un susseguirsi di aromi speziati ed erbe aromatiche come il pepe verde e la foglia di pomodoro. Qui la mineralità e la sapidità denotano una gradevole e lunga persistenza in bocca.
Abbinato al salmone, il Nekaj, Friulano in purezza, dal colore ambrato meno intenso e luminoso dei precedenti. Al naso sprigiona tutta l'aromaticità di questo vitigno, di grande impatto. In bocca molto gradevole, un’eleganza mielosa, così lo definisce Tamara, che va ad equilibrare la caratteristica nota amarognola del vitigno. Come i vini precedenti troviamo una spiccata mineralità e una lunga persistenza gustativa.
Il vostro Eden: Viale XX Settembre 71, Gorizia 

 

 

 

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni