cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Chiusura in grande stile di "A tavola con i fiori d'inverno"

Sarà il ristorante Antico Podere dei Conti di Sant'Anna (Susegana) a chiudere la rassegna "A Tavola con i Fiori d'Inverno", iniziativa organizzata dal Consorzio Ristoranti del Radicchio per valorizzare i pregiati radicchi della Gioiosa Marca. Madrina della rassegna Miss Italia 2017 Alice Rachele Arlanch. Mercoledì 7 febbraio (dalle 20) lo chef Carlo Padoin accoglie gli ospiti del suo Galà del Radicchio IGP con un originale menu che interpreta tradizione, creatività e sapori dal mondo.


Questa la sequenza dei piatti: Aperitivo esterno con lo spiedo trevisano, salsiccia di maiale e radicchio con emulsione di senape alla zucca violina; Narangi con la confettura di mandarino e trevisano; Fagottino di verza e radicchio; Radicchio gialét e ragù; il Fritto; il Radicchio dalla terra al cielo; Cannellone fritto ripieno di zucca e spadone; Crema di cavolfiore romanesco e bagoss; Germoglio di bambù maionese di pistacchio e pinzimonio di trevisano; Risotto e cavolo di Creazzo con sorpresa di burrata affumicata e fiore rosso di Treviso all'olio di Sant'Anna Villa Jacur; Gnocchi di patate e radicchio su crema all'aglio nero e spuma di squaquerone; Pollo in gamba farcito con polenta di mais bianco perla alla curcuma; e per chiudere Il mojito diventa un dolce trevigiano. In abbinamento la selezione di vini curata da Carlo Padoin, chef dallo spirito "libero" ed eclettico, la cui ispirazione è sempre e solo la cucina fatta con amore.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni